Il TUO CERTIFICATO ENERGETICO SUBITO !!! A PREZZI COMPETITIVI per INFO 0392001947 3395088388 lunedi - venerdi 08.30 - 20.00 e-m@il Operiamo in LOMBARDIA Resp. Progetto  Arch Fabio Sironi Iscrizione Albo Certificatori n. 2209 Verifica la copertura del servizio per ciascuna provincia SICUREZZA SUL LAVORO ? TUTTO sul D.Lgs 81.08 ALTRE REGIONI I Consigli del TECNICO Incentivi Fiscali - Riqualificazione Energetica Normativa in materia di detrazioni fiscali del 55% per la riqualificazione energetica degli edifici. CALDAIE A CONDENSAZIONE Art.1, comma 347 della legge finanziaria 2007 (aggiornato al 15 luglio 2010) SPECIFICHE CHE L’IMMOBILE OGGETTO D’INTERVENTO DEVE POSSEDERE PER POTER USUFRUIRE DELLE DETRAZIONI: • deve essere accatastato o con richiesta di accatastamento in corso e con ICI pagata, se dovuta; • deve essere dotato di un impianto di riscaldamento • in caso di demolizione, è ammessa a detrazione la sola “fedele ricostruzione”. Se viceversa questa comporta ampliamenti, si ritiene che possano essere ritenute agevolabili unicamente le opere che riguardano le parti “esistenti”. REQUISITI TECNICI SPECIFICI DELL’INTERVENTO: 1) l’intervento deve configurarsi come sostituzione totale o parziale del vecchio generatore termico e non come nuova installazione. 2) il nuovo generatore di calore a condensazione può essere ad aria o ad acqua. Inoltre, nel caso di impianto con potenza nominale al focolare minore di 100 kW: 3) il generatore di calore deve avere un rendimento termico utile, a carico pari al 100% della potenza termica utile nominale, maggiore o uguale a 93 + 2logPn; 4) devono essere installate valvole termostatiche – ove tecnicamente compatibili – a bassa inerzia termica (o altra regolazione di tipo modulante agente sulla portata) su tutti i corpi scaldanti ad esclusione degli impianti di climatizzazione invernale progettati e realizzati con temperature medie del fluido termovettore inferiori a 45°C. Invece, nel caso di impianti con potenza nominale del focolare maggiore o uguale a 100 kW, oltre ai precedenti requisiti: 5) deve essere adottato un bruciatore di tipo modulante; 6) la regolazione climatica deve agire direttamente sul bruciatore; 7) deve essere installata una pompa elettronica a giri variabili. ALTRE OPERE AGEVOLABILI: assicurate le condizioni sopra esposte: • smontaggio e dismissione dell’impianto di climatizzazione esistente; • fornitura e posa in opera di tutte le apparecchiature termiche, meccaniche, elettriche ed elettroniche, delle opere idrauliche e murarie necessarie per la sostituzione a regola d’arte dell’impianto termico esistente con una caldaia a condensazione. DOCUMENTAZIONE NECESSARIA: documentazione da conservare a cura del cliente: Nel caso di impianti di potenza nominale del focolare non superiore a 100 kW: • asseverazione redatta da un tecnico abilitato (ingegnere, architetto, geometra o perito iscritto al proprio Albo professionale) attestante i requisiti tecnici di cui sopra; • fatture relative alle spese sostenute, che rechino chiaramente separata la voce “manodopera” da quella delle opere; • ricevuta del bonifico bancario o postale (modalità di pagamento obbligata nel caso di richiedente persona fisica), che rechi chiaramente come causale il riferimento alla legge finanziaria 2008, numero della fattura e relativa data, oltre ai dati del richiedente la detrazione e del beneficiario del bonifico; • ricevuta dell’invio effettuato all’ENEA (codice CPID), che costituisce garanzia che la documentazione è stata trasmessa. documentazione da trasmettere all’ENEA • scheda descrittiva dell’intervento (Allegato E al D.M. 07.04.08) documentazione da trasmettere all’Agenzia delle Entrate: • comunicazione, per i soli lavori che proseguono oltre il periodo di imposta. Incentivi Fiscali - Riqualificazione Energetica Normativa in materia di detrazioni fiscali del 55% per la riqualificazione energetica degli edifici.   POMPE DI CALORE Art.1, comma 347 della legge finanziaria 2007 (aggiornato al 15 luglio 2010) SPECIFICHE CHE L’IMMOBILE OGGETTO D’INTERVENTO DEVE POSSEDERE PER POTER USUFRUIRE DELLE DETRAZIONI: • deve essere accatastato o con richiesta di accatastamento in corso e con ICI pagata, se dovuta; • deve essere dotato di un impianto di riscaldamento • in caso di demolizione, è ammessa a detrazione la sola “fedele ricostruzione”. Se viceversa questa comporta ampliamenti, si ritiene che possano essere ritenute agevolabili unicamente le opere che riguardano le parti “esistenti”. REQUISITI TECNICI SPECIFICI DELL’INTERVENTO: • l’intervento deve configurarsi come sostituzione totale del vecchio impianto termico e non come nuova installazione (cfr. risoluzione AdE n. 458/E del 1/12/08 e ns. faq 35). • le pompe di calore oggetto di istallazione devono garantire un coefficiente di prestazione (COP) e, qualora l’apparecchio fornisca anche il servizio di climatizzazione estiva, un indice di efficienza energetica (EER) almeno pari ai pertinenti valori minimi, fissati nell’allegato I al DM 06.08.09; • qualora siano installate pompe di calore elettriche dotate di variatore di velocità (inverter), i pertinenti valori di cui all’allegato I sono ridotti del 5% DOCUMENTAZIONE NECESSARIA: documentazione da conservare a cura del cliente: • asseverazione redatta da un tecnico abilitato (Ingegnere o Architetto iscritto all’Ordine professionale oppure Geometra o Perito iscritto al Collegio professionale), nella quale si dichiara che la pompa di calore assicura un coefficiente di prestazione (COP) e, qualora l’apparecchio fornisca anche il servizio di climatizzazione estiva, un indice di efficienza energetica (EER) almeno pari ai pertinenti valori minimi di cui all’allegato I del “decreto edifici” ed inoltre che il sistema di distribuzione è equilibrato e messo a punto in relazione alla portata; • fatture relative alle spese sostenute, che rechino chiaramente separata la voce manodopera da quella del materiale; • ricevuta del bonifico bancario o postale (modalità di pagamento obbligata nel caso di richiedente persona fisica), che rechi chiaramente come causale il riferimento alla legge finanziaria 2008, numero della fattura di riferimento e relativa data, oltre al codice fiscale del richiedente la detrazione e il codice fiscale o la partita iva del beneficiario del bonifico; • ricevuta dell’invio effettuato all’ENEA (codice CPID), che costituisce garanzia che la documentazione è stata trasmessa. documentazione da trasmettere all’ENEA: • scheda informativa dell’intervento (Allegato E al D.M. 07.04.08), che può essere redatta dal singolo utente documentazione da trasmettere all’Agenzia delle Entrate: • Comunicazione, per i soli lavori che proseguono oltre il periodo di imposta.